Cerca

Comunità Etica

per una economia consapevole

Una catena è forte quanto il suo anello più debole

Anche le piante hanno un linguaggio e un sistema nervoso diffuso come lo definisce Stefano Mancuso. Forse l’esempio più immediato ed evidente è la Mimosa Pudica: avvicini un dito e lei si rinchiude in se stessa, senza toccarla. Ma c’è anche un linguaggio nascosto che non ci è immediatamente percepibile. “La Vita Segreta degli Alberi” di Peter Wohlleben ci spega come esista un sistema di solidarietà utilizzato dagli alberi nel bosco. Il loro benessere dipende dalla comunità -afferma l’autore- e se i presunti deboli spariscono, anche gli altri ci perdono.

Pagine: 1 2

Il denaro è come il sangue

 

Quando facevo il chierichetto il buon Don Lino Masat aveva istituito un libriccino nel quale segnava presenze e assenze alle funzioni religiose. Dieci lire ogni presenza, cento lire di penale ogni assenza. Il totale era sempre in rosso: per fortuna non aveva inventato l’obbligo di restituzione quando il conto era in passivo. Grande spirito commerciale don Lino, era una delle quattro  figure importanti negli anni 60: il prete, il medico, il sindaco, il maestro. Ma anche abile manipolatore, capace durante la confessione, sacramento cui era d’obbligo frequentare ogni settimana, di farti sentire in colpa anche per quello che non avevi fatto. Una partita dare ed una  avere che quasi sempre volgeva a suo favore, un po’ quello che accade con le banche oggi.

Così è stato il mio primo approccio con il denaro. Continua a leggere “Il denaro è come il sangue”

Si può vivere con 270 euro al mese?

 

Ci soffermiamo molto sulla terminologia corretta, su come dobbiamo chiamare una persona portatore di un handicap ma non ci preoccupiamo per nulla della dignità di chi lo vive

Il rispetto verso le persone non si misura attraverso la definizione con cui li identifichiamo, ma attraverso gli strumenti che mettiamo a loro disposizione affinchè possano condurre una vita dignitosa.

E tra gli strumenti non è possibile dimenticare lo strumento economico. Come è possibile garantire la dignità se non garantiamo l’autonomia economica?

Basta guardare gli importi delle pensioni di invalidità per farsi un’immagine di dove sia finita la grande civiltà di questo paese. Continua a leggere “Si può vivere con 270 euro al mese?”

Il pesce costretto ad arrampicarsi su un albero

Albert Einstein un giorno disse: ognuno è un genio!

Ma se giudichiamo un pesce dalla sua abilità di scalare un albero, vivrà tutta la sua vita pensando di essere stupido.

Forse quest’immagine ci rende meglio l’idea di quello che sta accadendo nella scuola oggi. E’ questa la scuola che deve formare i nostri figli? Che deve preparare i futuri tecnici e dirigenti?

Chissà se gli insegnanti possono sentirsi orgogliosi di quanto stanno facendo.

Questo sistema scolastico rende robot migliaia di persone, tutti uguali, tutti allineati. E’ così divertente? Quanti studenti si sentono come quel pesce? Nuotando controcorrente in classe, senza scovare il proprio talento, pensando di essere stupidi. Credendo che la scuola sia inutile e di essere inutili! Continua a leggere “Il pesce costretto ad arrampicarsi su un albero”

Immagini Di Economia Autentica

“Viaggiai per giorni e notti per paesi lontani. Molto spesi per vedere alti monti, grandi mari. E non avevo gli occhi per vedere a due passi da casa la goccia di rugiada sulla spiga di grano”.
Questa strofa di una poesia di Rabindranath Tagore, ben illustra il nostro progetto. Non abbiamo inventato nulla, non abbiamo fatto nessuna scoperta eclatante, abbiamo solamente prestato la nostra attenzione a quello che spesso abbiamo davanti gli occhi, cercando di renderlo parte di un progetto che si pone l’obiettivo di mettere l’uomo al centro, promuovendo un’economia etica e autentica.
Un VILLAGGIO DIFFUSO, MULTIFUNZIONALE E INTERGENERAZIONALE immerso nel verde. Così si può riassumere il progetto di COMUNITA’ ETICA. Continua a leggere “Immagini Di Economia Autentica”

Per una “COMUNITA’ ETICA”

” Se volete che vostro figlio sia intelligente, raccontategli delle fiabe; se volete che sia molto intelligente, raccontategliene di più. ”

Albert Einstein

Ecco, così mi piacerebbe presentare questo progetto: una fiaba, un sogno, un progetto di vita e per la vita.

Fino ad oggi, ho cercato di fare quello che mi piace, ho tradotto le mie visioni della vita, nella vita. Dai tempi del liceo mi ha sempre appassionato l’impegno sociale. Spesso mi sono trovato in contraddizione.

Mi sono sentito come si può sentire un ragazzo in fila alle montagne russe, voglia di rinunciare, di mandare andare avanti gli altri, di rimanere in attesa. Troppa paura, ma poi ci sono salito: su all’apice e giù a capofitto. Adrenalina, ansia, anzi credo di aver fatto due tre volte il giro della morte,  e poi sì, per la voglia di mettermi in gioco le ho provate tutte, e oggi, non ho dubbi, mi sono fatto le ossa e ho deciso di salire sulla giostra della vita, non chiudo più gli occhi, non cerco più giustificazioni. Voglio viverla tutta, la vita. Voglio mettere a frutto tutte le esperienze, voglio raccontare un mondo migliore. Non ho timore di quello che pensa la gente, siamo tutti sulla medesima giostra, sulle stesse montagne russe.

Continua a leggere “Per una “COMUNITA’ ETICA””

Se sembra impossibile allora si può fare

Mamma colpita per la terza volta da un tumore con un figlio autistico viene licenziata per aver superato il numero massimo di assenze per malattia. Dopo non poche peripezie gli viene concessa la pensione di invalidità: 513 euro al mese con cui dovrebbe vivere, nutrirsi, curarsi, vestirsi, pagarsi una casa, le utenze e soprattutto un’assistenza 24 ore su 24.

Continua a leggere “Se sembra impossibile allora si può fare”

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑